parallax background

Appartamenti e case vacanze a Venezia: intervista con un’esperta del settore

Come arredare un bed and breakfast
18 Novembre 2016

Quella del gestore di una attività turistica è una figura professionale importante poiché a volte è la prima persona che incontriamo all’inizio di un viaggio o di una permanenza in un luogo a noi estraneo.

Ma quali sono gli aspetti meno noti di questo mestiere? Quali sono le difficoltà nascoste e di contro i momenti positivi e gratificanti?

Per fare chiarezza abbiamo fatto due chiacchiere con Manuela Cardazzo,titolare di Venetian Mood, 38 anni, che si occupa da 6 anni a livello imprenditoriale di gestione di appartamenti turistici a Venezia e a Mestre.

Quale è stato il fattore che ti ha spinto ad iniziare questa attività?

La mia famiglia aveva degli immobili a Venezia derivati da varie successioni. Ci siamo trovati a dover decidere in che modo far si che fruttassero un qualcosa e non diventassero un peso bruciando risorse economiche, di tempo e di energie. Abbiamo vagliato la vendita e i contratti d'affitto a lungo termine. Alla fine ho deciso di buttarmi nelle affittanze turistiche di breve termine e di costruirci una vera e propria professione.

Cosa serve per avviare un business come quello degli appartamenti turistici?

Tanta pazienza, ma anche conoscenza dei meccanismi alla base delle affittanze turistiche. Siamo in Italia e come in tutti i settori la burocrazia è tantissima. Regole nazionali, regionali, locali si sovrappongono e accavallano e spesso confliggono tra loro. In più bisogna conoscere i meccanismi dei portali attraverso cui arrivano molte delle prenotazioni: ogni portale ha regole e procedure operative diverse. Infine è importante avere nozioni di logistica soprattutto se si intende gestire più appartamenti.

Quali sono stati i problemi iniziali e quali sono le maggiori difficoltà e criticità di ogni giorno e invece quali gli aspetti positivi e gratificanti di una professione come la tua?

Le affittanze di appartamenti a uso turistico hanno il bello di metterti a contatto con tante persone diverse, provenienti da tutto il mondo. Si conoscono realtà differenti, persone di tutte le età che a loro modo arricchiscono il tuo percorso professionale e personale. In un mondo che tende alla globalizzazione scoprire dei tratti culturali così forti e tipici è bello. Le persone che vengono mie ospiti cercano a loro volta, di vivere il più possibile la città che vengono a visitare così come viene vissuta tutti i giorni da quelli che chiamano LOCAL. Questo scambio di esperienze e punti di vista indubbiamente arricchisce il proprio bagaglio culturale e anche la conoscenza e l'interesse per il territorio. Inoltre affittando immobili a breve termine si ha la possibilità di controllare costantemente il proprio bene. Non come nelle affittanze di lungo termine in cui non sai mai che tipo di persone ti stai mettendo in casa, se sono solventi, se tratteranno la casa coi guanti o te la troverai distrutta a fine contratto. Di contro, l'avere a che fare con gente di tutto il mondo con usi e usanze così diverse tra loro rende a volte complessa la comunicazione e la comprensione delle esigenze reciproche. In più avere a che fare con immobili ha sempre il contro di lottare tutti i giorni con guasti, disservizi , problematiche relative a elettrodomestici, impianti, serramenti.

A che tipo di target ti rivolgi?

Nel creare il mio marketing mi rivolgo soprattutto a chi viaggia in famiglia. Coppie giovani con figli piccoli o adolescenti, talvolta accompagnati dai nonni. Ma anche famiglie appena formate, viaggi di nozze.

Qual è la permanenza media che hai potuto riscontrare?

3 giorni in media. Ma non mancano affittanze di due settimane , mesi a volte. Stiamo sperimentando da poco anche le singole notti. Ci sono i pro e i contro, ma lo si scopre solo provando!

Cosa cercano le persone che prenotano nelle tue strutture?

L'anima della città. Lo spirito della scoperta, i posti tipici, le rotte che escono dalle logiche del turismo di massa. E noi questo cerchiamo di dare ai nostri ospiti: uno sguardo della città da LOCAL.

In cosa ti senti di differenziarti e, se possibile, essere migliore di una offerta alberghiera tradizionale?

Le persone che vengono da noi vogliono sentirsi a casa loro anche se a kilometri e kilometri dalla loro città. Non amano i formalismi degli alberghi, gli ambienti freddi e impersonali. Vogliono vivere qualcosa di unico, non di massa. Noi proviamo a fare questo, essere amici dei nostri ospiti, non semplici affittacamere.

In che direzione sta andando il turismo in Italia e in particolare a Venezia secondo la tua esperienza?

Devo dire la verità, non mi piace la piega che ha preso il turismo a Venezia. Una città fragile e unica come questa dovrebbe puntare a un turismo attento, raffinato, altospendente. Invece calli e campielli si stanno riempiendo sempre di più di gente irrispettosa, irriverente, che non porta valore alla città ma solo sporcizia.
Parlo di un turismo che punta al risparmio, che non frequenta ristoranti blasonati ma nemmeno locali tipici e si riversa nei supermercati per pranzi al sacco da consumare bivaccati in Piazza San Marco. E' un processo che evidentemente si è trascinato negli anni e si è ingrandito fino a diventare insostenibile.

Cosa potrebbe essere fatto di diverso per migliorare la situazione?

Sono processi che se messi in atto oggi avranno i loro frutti tra 3, 5, 10 anni. Bisognerebbe lavorare tutti insieme, residenti e amministrazione pubblica per creare eventi, organizzare meeting, mostre, aumentare la percezione di Venezia come di una città di serie A che può permettersi solo chi percepisce il valore e la fragilità di questo capolavoro unico al mondo.

Descrivici brevemente i tuoi appartamenti: location, specificità, aspetti peculiari.

Ho appartamenti sia in centro storico a Venezia, sia in terraferma a Mestre. Sono di metrature diverse, vanno dal monolocale al bilocale, al 10 posti letto. Sono tutti ristrutturati da poco, tenuti a manutenzione con cura maniacale. Perché una buona manutenzione e refresh continui dell'immobile aiutano a prevenire i contrattempi e, paradossalmente, a risparmiare soldi di interventi urgenti.
Anche l'arredamento e la presentazione infine rivestono un ruolo di prim'ordine
. In un mercato in cui la concorrenza si fa sempre più sentire, l'avere arredi nuovi, originali, accattivanti, incentivano le prenotazioni. Attenzione però: arredare un appartamento a uso turistico non è come arredare casa propria. Ci sono particolarità di cui tenere conto per rendere tutto più funzionale, pratico, veloce da pulire, che si riflettono nella riduzione dei costi di pulizia e manutenzione. E' sempre meglio rivolgersi ad arredatori esperti del settore. Il risultato sarà 100 volte meglio, aiuterà ad aumentare le prenotazioni e, alla lunga, a ridurre i costi.

Per selezionare i tuoi appartamenti preferisci la location o la situation?

La location è importante se si hanno tanti appartamenti, soprattutto in una città con le difficoltà logistiche di Venezia. La situation però non può mai essere sacrificata o messa da parte.

Cosa consiglieresti ad una persona o un gruppo di persone che volessero intraprendere ora una avventura come la tua?

Di non fare l'errore di considerare questa un attività da fare a tempo perso, di considerare tutti gli aspetti in gioco prima di iniziare, e di rivolgersi sempre sempre sempre ad esperti del settore per l'arredo e la gestione delle case.

Ringraziamo Manuela di Venetian Mood

Manuela si è rivolta a Linkinterni per realizzare le camere dei suoi appartamenti turistici a Venezia e la ringraziamo per aver dedicato il suo tempo per realizzare questa intervista, che riteniamo possa essere utile a chiunque voglia intraprendere questo percorso imprenditoriale.
Per qualsiasi informazione o per prenotare uno dei suoi appartamenti puoi visitare il sito venetianmood.it.


Se, invece, sei interessato ad avviare un'attività come quella di Manuela ti invitiamo a scoprire alcune soluzioni all inclusive pensate proprio per i titolari di Hotel, B&B e case vacanze: richiedi il nostro catalogo.

Richiedi Gratuitamente il Catalogo di Linkinterni

1 Comment

  1. Elisa ha detto:

    Complimenti per il blog. Articoli interessanti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *